Truffa da 10 Milioni poi usati per il Gioco d’Azzardo a Saluzzo

La Guardia di Finanza di Saluzzo (Cuneo) è riuscita a venire a capo e a porre fine ad una truffa che andava avanti ormai da tempo e che ha raggiunto un totale di circa 10 milioni di euro, tre dei quali sono poi stati utilizzati per il gioco d’azzardo online e in sala da gioco: un vero e proprio meccanismo criminale che, dopo lunghe indagini, ha trovato conlcusione con un arresto per truffa, bancarotta fraudolenta ed evasione fiscale.

La Truffa

Si tratta di un’indagine nata nel 2014 che ha portato la Guardia di Finanza di Saluzzo a procedere con l’arresto dell’indagato, per il quale i carichi contestati sono diversi e tutti molto pesanti andando dalla bancarotta fraudolenta all’evasione fiscale per un dissesto societario da ben 10 milioni di euro gestiti in quella che è stata una vera e propria truffa a tutti gli effetti.

I fatti risalgono appunto a qualche anno fa e le indagini sono iniziate partendo da un sistema di polizze vita finte che l’imputato, appunto un assicuratore, aveva emesso a nome di una seconda società assicurativa per poi utilizzarne il provento come “portafogli personale” per consistenti spese illecite prima di dichiarare fallimento.

La condanna per truffa è stata la prima a giungere, testimoniando come l’assicuratore si sia impadronito di abbondanti fondi illeciti che dopo la condanna sono stati tassati portandolo ad arrivare ad un’evasione totale per 6 milioni di euro . Ma la condanna per truffa ha naturalmente anche dato agli inquirenti la possibilità di capire meglio i movimenti in questione, accertando prelievi e pagamenti per più di 3 milioni aggiuntivi, fondi che è stato poi scoperto che venivano utilizzati appunto per giocare d’azzardo, facendo così raggiungere alla truffa la cifra totale di 10 milioni.

Le attività di gioco

Non è chiaro se le attività di gioco avvenissero per “passione” o come tentativo per ripulire i fondi illeciti, ma quel che risulta lampante è che siano stati investiti in casinò, in gioco online ed in investimenti speculativi naturalmente a favore dell’imputato.

Una mole di soldi naturalmente molto grande che ha catturato subito l’attenzione degli inquirenti aggravando di fatto la posizione dell’imputato, che viene accusato di aver approntato un vero e proprio sistema di truffa capace di fargli muovere cifre ben superiori a quanto normalmente avrebbe potuto ambire.

Questo al punto da considerare che il gioco da casino in sé per sé diventasse parte integrante di questo meccanismo illegale che ad un certo punto è risultato del tutto facile da ricostruire in ciascuno dei suoi passaggi spalancando all’assicuratore le porte di un nuovo processo e, verosimilmente, anche di una nuova condanna.

A questo punto si attendono infatti le nuove implicazioni legali di questa brutta storia, che però ci lascia già sin da subito con la certezza che questa determinata tipologia di attività apparentemente remunerativa non trova in verità vita lunga davanti ai controlli sempre precisi e puntuali della Guardia di Finanza.

Le Nostre Conclusioni

A questo punto rimaniamo in attesa delle evoluzioni future di questa storia che potremmo definire “criminale ma a tratti comica”. Chiaramente non c’è nulla di divertente in una simile truffa che ha penalizzato anche persone che sono state coinvolte senza saperlo in questo sistema, però rimane chiaramente singolare la scelta di procedere in una tale quantità di attività di gioco pur sapendo che potessero emergere molto facilmente, tanto più una volta acclarata la frode e l’evasione fiscale.

Il risultato? Lo scopriremo a processo concluso, ma di certo questa notizia aiuterà a scoraggiare eventuali iniziative simili da parte di altri malintenzionati che a questo punto non possono sottostimare le capacità di indagine da parte delle forze dell’ordine, che si sono fatte trovare assolutamente molto pronte.

Massimo Tagliaferri
 

Massimo Tagliaferri è nato nel 1986 a Bologna ed ormai da anni vive a Milano, dove si è laureato in ingegneria informatica e lavora come programmatore. E' socio fondatore di MiglioriCasinoOnline.info, per il quale è anche responsabile di tutte le analisi tecniche, della realizzazione informatica del sito ed autore.