Macao, la Las Vegas d’Oriente che fattura più dell’originale

Macao, la Las Vegas d’Oriente che fattura più dell’originale

Parliamo di Macao, di gran lunga una delle città più particolari del mondo: nata come Las Vegas d’Oriente è cresciuta al punto da superarla per fatturato e mole di pubblico per anno, questo inanellando una serie di numeri tutti da record per qualsiasi aspetto riguardi la città ed la sua gestione. Andiamo a scoprirla da vicino con questo approfondimento.

Macao, la città unica che fa giocare l’Asia

In passato era solo un’isoletta di pescatori, poi era stata conquistata dai portoghesi diventando un punto strategico nell’Oceano Pacifico, poi è tornata sotto controllo del Governo Cinese al quale l’isola appartiene: è Macao, una vera perla d’oriente per tanti tantissimi motivi, primo dei quali è che si tratta dell’unica cttà della Cina nella quale risulta legale il gioco d’azzardo, invece vietatissimo nel resto del territorio. Risultato? Macao è diventata velocemente la nuova Las Vegas, il polo asiatico del turismo del gioco, crescendo a dismisura per proporzioni e sfarzo come solo l’industria cinese è in grado di fare.

Parliamo della città con più alta densità di popolazione al mondo con ben 20.000 abitanti per chilometro quadrato, nella quale per fare spazio ad hotel e casinò il Governo ha dovuto bonificare il mare unendo due isole per ricavare altri cinque chilometri quadrati in più. Ci sono quarantuno casinò a Macao, che impiegano il 20% della popolazione locale: esatto, una persona su cinque in città è coinvolta nell’industria del gaming che, come è avvenuto anche a Las Vegas, implica una “potenza di fuoco” incredibile in fatto di ricettività turistica.

Pur essendo territorio della Cina, il viaggio da qualsiasi città cinese a Macao è considerato un viaggio internazionale, ma nonostante questo sono milioni le persone che ogni anno arrivano a giocare in città: una mole turistica che ha richiesto la costruzione di decine e decine di resort, al punto che fino al 2009 a Macao sono state costruite la media di 16,4 camere al giorno! Una trasformazione facilmente calcolabile e figurabile: dal 1998 ad oggi, quel che è stato aggiunto al territorio di Macao in termini di masse terrestri e costruzioni equivale a quasi 1.000 stadi di calcio!

Macao vs Las Vegas

E così Macao è cresciuta, cresciuta a dismisura ottimizzando il suo spazio pur limitato per ospitare sempre più giocatori da tutta l’Asia, guadagnandosi in breve tempo il primato di meta turistica preferita per giocatori da Cina, Hong Kong, Giappone e Corea del Sud: milioni di persone tutto l’anno che hanno fatto crescere i fatturati in maniera esponenziale fino al punto da far impallidire proprio Las Vegas, la capitale mondiale del gioco d’azzardo che era stata presa come modello.

Per farvi un semplice esempio prendiamo come riferimento dei numeri del 2017, i più recenti per affidabilità: in quell’anno Las Vegas aveva realizzato 6 miliardi di dollari, che salivano a 12 miliardi considerando tutto il Nevada, mentre Macao l’aveva chiuso toccando la cifra monstre di 28 miliardi. Una differenza dovuta sia al bacino d’utenza naturale, formato nel caso di Macao da una popolazione molto più vasta potenzialmente in grado di raggiungere la città, ma anche da un lavoro di pianificazione strategica eccezionale fatto su tutti i livelli.

Ma anche Macano (o forse meglio dire soprattutto Macao) ha subito un colpo incredibile quest’anno, questo 2022 eufemisticamente “particolare” nel quale i viaggi si sono di colpo bloccati in tutto il mondo creando gravi danni sia all’industria del turismo che a quella del gambling. Di che entità di danno parliamo nel caso di Macao? Sia turismo che guadagni sono collassati del 82,5%, fermando i guadagni totali dei primi nove mesi a “soli” 4,3 miliardi di dollari: una situazione che come immaginabile sta avendo conseguenze molto gravi che al momento non permettono di prevedere gli scenari futuri.

E tutto questo accade semplicemente in una città, una piccola isoletta al fianco della costa pacifica della Cina, nella quale si è ormai concentrata buona parte dell’attività di gioco d’azzardo dell’intero pianeta.

Le Nostre Conclusioni

Probabilmente il 2022 non sarà l’anno più giusto per comprare un biglietto aereo ed andare a vedere con i propri occhi cosa significa un posto come Macao, però è qualcosa che nella vita prima o poi andrà fatto: un po’ per il piacere per il gioco ed un po’ per soddisfare la curiosità verso un polo di gioco ipermoderno, ipertecnologico e creato a tavolino per emulare, raggiungere e battere un mito universale come è Las Vegas

Chissà quando torneranno le condizioni più giuste per regalarci un viaggio del genere, magari sarà anche prima di quanto possiamo immaginare e sarebbe tra l’altro un modo veramente speciale per tornare a viaggiare e a divertirci con il gioco al punto da raggiungere quelli che ora come ora sono i più importanti e ricchi casinò di tutto il mondo, quelli della piccola grande Macao.

888 Casino 888 Casino
Bonus Fino a 500€
Wagering 35